I testi e le traduzioni del CD a curpi de prïa

› a curpi de prïa
› paise
› ostaia
› prïa neigra
› rissi
sarvaego
lunn-a
› angiolinn-a
› figgieu
› ninnami
› despetaddo
Altre canzoni

> Battua
> Canto
> Passo

> Aegoa do bronzin
> A u Gusto

A curpi de prïa A colpi di pietra

Mae lalla a l'è 'na donna
che ormai no ghe n'è ciù
quande a reccheugge e öie
a caccia all'âia o cû
mae lalla a g'ha sempre
quarcösa in tu scosâ
e con o gruppo in sciâ testa
a ghe dà sciù pe-a montâ

e a curpi de prïa all'affia a messuïa
e a curpi de prïa all'affia a messuïa
e a curpi de prïa mentre a t'ammia

mae barba o g'ha un mariollo
de lann-a repessou
comme se-o fïse ou o conta
o seu sciou
mae barba o s'assetta
solo pe mangiâ
con in testa 'na beretta
che-o no s'eu mai levâ
e a lunn-a pinn-a
a Valentinn-a che-a l'ha da fâ
e a lunn-a pinn-a
a Valentinn-a e lazzù o mâ

e a curpi de prïa all'affia a messuïa
e a curpi de prïa all'affia a messuïa
e a curpi de prïa mentre a t'ammia

A casa a le in scia çimma
oudô oudô de pan
o tocco o l'è in sci-a stïa
zà se perlecca o can
o mü che-o no l'eu anâ
a fascia da cavâ
a voxe d'o straççê
c'o crïa in sce-a ciannâ
e lì in t'a chinn-a
a ciù piccinn-a
cose a l'ha da criâ
e lì in t'a chinn-a
a ciù piccinn-a da ninnâ

Mia zia è una donna
che ormai non ce n'è più
quando raccoglie le olive
butta in aria il sedere
mia zia ha sempre
qualche cosa nel grembiule
e con il fardello sulla testa
affronta la salita

e a colpi di pietra affila il falcetto
e a colpi di pietra affila il falcetto
e a colpi di pietra mentre ti guarda

mio zio ha una maglia
di lana rattoppata
come se fosse oro lui conta
il suo fiato
mio zio si siede
solo per mangiare
con in testa un berretto
che non si vuole mai togliere
e la luna piena
la Valentina (1) che sta per partorire
la luna piena
la Valentina e laggiù il mare

e a colpi di pietra affila il falcetto
e a colpi di pietra affila il falcetto
e a colpi di pietra mentre ti guarda

La casa è sulla cima
profumo di pane
il sugo è sulla stufa
già si lecca i baffi il cane
il mulo che non vuole andare
la fascia (2) da zappare
la voce dello straccivendolo
che grida sulla spianata
e lì nella culla
la più piccina
cosa ha da gridare!
e lì nella culla
la più piccina da ninnare

1. si rif. ad una mucca
2. tipica sistemazione a gradoni del terreno

torna su
Paise Paese

Paise paise berette corbe chen da caccia
donne co-e sporte pinn-e rosse in t'a faccia
paise paise stagnon de laete sc-ciumma
müggi de liamme forche camin che fumman
e lou lou tanto lou ciassa d'o mercou
fea fea bestie lighae a-a ringhêa bance
accatae accatae
ommi con in man palanche
fea fea foresti moi che vendan miande
bruzâ de göe c'han sae
locciâ de tette e pançe
e battaggiâ de campanon
a procescion

procescion procession
se vedde primma o cristo
che coscì grosso donne
no se n'è mai visto
procescion procession
madonne d'ou che ballan
zù pe-o straddon
tempo de banda
tempo de banda
curpu de cuerci che commandan
a tempo a tempo
Cristi e Madonne van a tempo
se süa se cianze
locciâ de tette e pançe

e in fondo a çerrâ a riga
carabinê autolettiga
....
tempo de giga

Paese paese berretti cesti cani da caccia
donne con le borse piene rosse in viso
paese paese secchio di latte schiuma
mucchi di letame forche comignoli che fumano
e lavoro lavoro tanto lavoro piazza del mercato
fiera fiera bestie legate alla ringhiera bilance
comprate comprate
uomini con il denaro in mano
fiera fiera forestieri mori che vendono mutande
muggire di gole che hanno sete
dondolar di tette e pance
e rindondare di campanone
la processione

processione processione
si vede prima il Cristo
che così grosso donne
non se n'è mai visto
processione processione
Madonne d'oro che ballano
giù per lo stradone
tempo di banda
t empo di banda
colpo di piatti che comanda
a tempo a tempo
Cristi e Madonne vanno a tempo
si suda si piange
dondolar di tette e pance

e in fondo a chiudere la fila
carabinieri autolettiga
...
tempo di giga

torna su
Ostaia Osteria

Son sciortïo co-o freido
co-o freido a-a schenn-a
p' ascadâme o cheu in 'sta ostaia
de 'sto paise senza sâ
de 'sto paise sensa mâ

Versimene un gotto de quello doçe
versimene un gotto che a sc-ciumma a luxe
lascimeli sentï, lascimeli sentï

Striscio liscio sei no ti ghe n'hae?
fante donna çinque de dinae
fiori picche in man cose ti g'hae?
settebello portime un caffè
lascimeli sentï, lascimeli sentï

In te questi boschi sott'a questo monte
donde a vorpe a se nasconde
son vegnuo a cantâ, son vegnuo a ballâ

Versimene un gotto de quello doçe
versimene un gotto che a sc-ciumma a luxe
me pâ de sentï, me pâ de sentï

Comme quande i mouxei
se sc-ciappan in sci scheuggi
sc-ciappan in sci scheuggi
comme quande i mouxei
se sc-ciappan in sci scheuggi
sc-ciappan in sci scheuggi
me pâ de sentï, me pâ de sentï

In mêzo a questa gente
c'a l'affïa o dïo
ch'a l'ammia comme t'ê vestio
me son vegnuo a mesc-ciâ
me son vegnuo a demoâ

Comme quande i mouxei
se sc-ciappan in sci scheuggi
sc-ciappan in sci scheuggi
comme quande i mouxei
se sc-ciappan in sci scheuggi
sc-ciappan in sci scheuggi
me veuggio demoâ, me veuggio demoâ

Striscio liscio sei no ti ghe n'hae? ...

Sono uscito con il freddo
con il freddo alla schiena
per scaldarmi il cuore in questa osteria
di questo paese senza sale
di questo paese senza mare

Versamene un bicchiere di quello dolce
versamene un bicchiere che luccichi la schiuma
lasciameli ascoltare, lasciameli ascoltare

Striscio liscio sei non ne hai?
fante donna cinque di denari
fiori picche in mano cosa hai?
settebello portami un caffè
lasciameli ascoltare, lasciameli ascoltare

In questi boschi sotto a questo monte
dove la volpe si nasconde
sono venuto a cantare, sono venuto a ballare

versamene un bicchiere di quello dolce
versamene un bicchiere che luccichi la schiuma
mi sembra di sentire, mi sembra di sentire

Come quando le onde
si spaccano sugli scogli
spaccano sugli scogli
come quando le onde
si spaccano sugli scogli
spaccano sugli scogli
mi sembra di sentire, mi sembra di sentire

In mezzo a questa gente
che affila il dito
che ti guarda come sei vestito
sono venuto a mischiarmi
sono venuto a giocare

Come quando le onde
si spaccano sugli scogli
spaccano sugli scogli
come quando le onde
si spaccano sugli scogli
spaccano sugli scogli
mi voglio divertire, mi voglio divertire

Striscio liscio sei non ne hai? ...

torna su
Prïa neigra Pietra nera*

Arrio da donde o mâ o l'arria
Co-e urtime so goççe de savoio
Da donde a feuggia a-o scioco
bagascia a mostra a pansa
da donde d'aegoa e vin no n'avansa
Arrio da donde d'inverno o bosco o s'afferma
incantou da-a galaverna

E vitte imprexionae
da-o marmo di lavelli
da-o muccio in ti cavelli
e vitte imprexionae.

Arrio da donde scigoa a reua in sce-a straffia
e o feugo o conta foe a chi l'ammia
da donde s' ïsa o becco d'o penacco
da donde ogni paise g'ha o so matto
Arrio da donde a seppa d'oia a s'accobbia
con a sciamma da nissoua
e vitte imprexionae
dall'alleugâ dinae
da cantie de pepê
e vitte imprexionae

Prïa neigra
che o meistro o sa spaccâ
Prïa neigra i schaen d'a scâ
Prïa neigra e ciappe do portâ
Prïa neigra coverte e cà

E lê e lê a l'orriae anâ
a ammiâ o mâ ingoâ o so
e lê e lê a l'orriae anâ
solo pe amô êse baxiâ
e lê e lê a l'orriae anâ

Arrio da donde derrê a-a gioxia
Ascosi aggoeitan da-a fessua
da donde e curve chì semmo piggiale
ne sbraggia e gomme in braçço a-a provinciale
Arrio da donde e figge cian sligan e coe
in sce-a fiumana de sett'oe

E vitte imprexionae
da o fâ fadiga a anâ
da o fâ fadiga a amâ

Arrivo da dove il mare arriva
con le ultime sue gocce di salato
Da dove la foglia allo scirocco
bagascia mostra la pancia
da dove l'acqua e il vino non avanzano
Arrivo da dove d'inverno il bosco si ferma
incantato dalla galaverna

E vite imprigionate
dal marmo dei lavandini
dalla crocchia nei capelli
e vite imprigionate

Arrivo da dove fischia la ruota sulla teleferica
e il fuoco racconta favole a chi lo guarda
da dove si alza il becco della roncola
da dove ogni paese ha il suo matto
Arrivo da dove il ceppo dell'ulivo si accoppia
con la fiamma del nocciolo
e vite imprigionate
dal metter da parte denaro
da cassetti pieni di carte
e vite imprigionate

Pietra nera
che il maestro sa spaccare
Pietra nera gli scalini della scala
Pietra nera le lastre del portale
Pietra nera coperte le case

E lei e lei vorrebbe andare
a guardare il mare ingoiare il sole
e lei e lei vorrebbe andare
solo per amore essere baciata
e lei e lei vorrebbe andare

Arrivo da dove dietro le imposte
nascosti sbirciano dalla fessura
da dove le curve qui sappiamo prenderle
ci sgridano le gomme in braccio alla provinciale
Arrivo da dove le ragazze piano slegano le code
sulla corriera delle sette

E vite imprigionate
dal far fatica ad andare
dal far fatica ad amare

* ardesia

torna su
Rissi Ricci

Un bello giorno me son attrovou
un costo de rissi arrampignou in sce die
Me son attruvou che ea con lê a rïe
a rïe de tutti quelli che ean lì
a rïe de lê a rïe de mì
anche de quello che no gh'ea da rïe
I so euggi grandi sbarlussavan
ciù di lammè de quelli dell'orchestra
a fisarmonica a gonfiava a pansa
e pe-e sò gambe me gonfiava a testa

Comme figgieu comme figgieu
che dan de diae in t'o vaso dell'amê
se semmo ascosi in ti so rissi
a sussase comme reganissi
comme figgieu comme figgieu
se semmo imbrieghae de nostre cuae
ciantâ in t'o cheu a lamma da pascion
comme in t'o tappo o tarabiscion

E lntanto a tempo de mazurca lenta
I tacchi scuggian in sciu marmo levigou
e luxi giane verdi bleu in scio palco
s'isavan nuvie de borotalco
E lntanto a tempo de mazurca lenta
i tacchi scuggian in sciu marmo levigou
Sfinio da-e scae o clarin o s'assetta
sponta o tettin da-a camixetta

Pe man e figgie ancon da bansigo
s'infian in ti leughi belle s'han d'ammia
I masc-ci draghi netezzae pe caxo
spuan fumme da-e cannae do naso
muri invidiosi ma quanti ghe n'è
che me g'ammian gambe e panê

Comme figgieu comme figgieu...

E appreuvo a un tango cento co-a chitara
se gh'accomìnsa a deslengoâ o mascara
remescia e lengue quexi sensa sciou
in mezo a-a pista soli n'han lasciou
E appreuvo a un tango cento co-a chitara
se gh'accomìnsa a deslengoâ o mascara
remescia e lengue doçe oudo de suo
che gran pansae... de belin... duo.

Un bel giorno mi sono ritrovato
un cespuglio di ricci arrampicato sulle dita
Mi sono ritrovato con lei a ridere
a ridere di tutti quelli che erano lì
a ridere di lei a ridere di me
anche di quello che non c'era da ridere
I suoi occhi grandi luccicavano
più dei lammè di quelli dell'orchestra
la fisarmonica gonfiava la pancia
e per le sue gambe mi gonfiava la testa

Come bambini come bambini
che danno ditate nel vaso del miele
ci siamo nascosti nei suoi ricci
a succhiarci come liquirizie
come bambini come bambini
ci siamo ubriacati delle nostre voglie
conficcata nel cuore la lama della passione
come nel tappo il cavatappi

E intanto a tempo di mazurca lenta
i tacchi scivolano sul marmo levigato
e luci gialle verdi blu sul palco
si alzavano nuvole di borotalco
E intanto a tempo di mazurca lenta
i tacchi scivolano sul marmo levigato
Sfinito dalle scale il clarino si siede
spunta il seno dalla camicetta

Per mano le ragazzine ancora da altalena
si infilano nei gabinetti belle s'hanno da guardare
I maschi draghi ripuliti per l'occasione
sputano fumo dalle narici
facce invidiose ma quante ce n'è
che guardano le gambe e il sedere

Come bambini come bambini...

E dietro a un tango pianto con la chitarra
iniziava a sciogliersi il mascara
mescolano le lingue quasi senza fiato
in mezzo alla pista soli ci hanno lasciato
E dietro a un tango pianto con la chitarra
iniziava a sciogliersi il mascara
mescolano le lingue dolce odore di sudore
che grandi panciate... di belino... duro*


* modo di dire per indicare l'eccitazione da parte del maschio

torna su
Sarvego Selvatico

Beretta bleu missa in sce l'orsa
bacchette bonn-e a man 'na morscia
che se all'abbranca all'arranca o ciantou

ciantou in t'a taera taera rossa
da-o süo o mariollo o te se bagna
faeto de legno de sarvaego de castagna

mannego forte mannego duo
che ti te fae arriondâ co-o spuo

e che ti chinn-i che ti monti
tì che ti taggi a barba all'erba
a tì te tocca camallâ corbe de merda

e te se secca secca a lengoa
sott'ao sô che-o sc-ciappa e prïe
a fadiga in sci tò lerfi pâ ch'a rïe

mannego forte mannego duo
che ti te fae arriondâ co-o spuo

e t'accian t'accianti i denti
in t'a scorscia de 'sto mondo
affonda affonda e lamme in t'o profondo

chi te comanda a ti a l'è a lunn-a
chi te ferma o l'è l'affanno
metti a semenza da fortunn-a de quest'anno

mannego forte mannego duo
che ti te fae arriondâ co-o spuo

e quande o scüo da o lou
da o lou o te manda via
te loccian in sce-o cû o corno e a pria
e lazzù tramezo a e case
unn-a donna piccinn-a
o verso a fa e all'attasta
o cû a-a gallinn-a

mannego forte mannego duo
che ti te fae arriondâ co-o spuo...

Berretto blu messo di traverso
braccia buone le mani una morsa
che se agguanta sradica il piantato

piantato nella terra terra rossa
dal sudore la maglia ti si bagna
fatto di legno di selvatico di castagno

manico forte manico duro
che ti fai arrotondare con lo sputo

e che scendi e che sali
tu che tagli la barba all'erba
a te tocca portare ceste di merda

e ti si secca secca la lingua
sotto il sole che spacca le pietre
la fatica sulle tue labbra sembra ridere

manico forte manico duro
che ti fai arrotondare con lo sputo

e pianti pianti i denti
nella scorza di questo mondo
affonda affonda le lame nel profondo

chi ti comanda è la luna
chi ti ferma è l'affanno
metti la semenza della fortuna di questo anno

manico forte manico duro
che ti fai arrotondare con lo sputo

e quando il buio dal lavoro
dal lavoro ti manda via
ti dondola sul sedere il corno e la pietra
e laggiù in mezzo alle case
una donna piccina
il verso fa e tasta
il sedere alla gallina

manico forte manico duro
che ti fai arrotondare con lo sputo...

torna su
Lunn-a Luna

Lunn-a lunn-a lunn-a sarvaega
che ti insegni a semenâ
che ti piggi e ti mandi l'aegoa
chi te canta chi se sente mâ

A to luxe in te 'na maccia scua
d'onde a prïa a l'è arruxentâ
bägia o baggio da-a fissua
pin de balle balle da contâ

S'isa o vento e l'erba mëga
suppa d'euggi remesciâ
xeuâ de ciumma crio de bestia
oege drite d'agguantâ

Canta canta canta lô
canta ti che no t'hae puia
canta canta canta lô
lecchite a ferria

Lunn-a lunn-a aegua raxia
pe allungäme a tinta chì
lunn-a lunn-a goa averta
cianta a forca tïme sciù
assazzime assazzime mì so de fumme
condio de sugo d'erba taggiâ
assazzime assazzlme ti che t'è o lumme
ti che chì t'è de chi te pâ

Lunn-a lunn-a çetron de mâ
che t'aggiutti chi le pregna a fa
lunn-a lunn-a figgia d'o sô
moae d'a puia e dell'amô

Assazzime assazzime mì so de fumme
condio de sugo d'erba taggiâ
assazzime assazzlme ti che t'è o lumme
ti che chì t'è de chi te pâ

Canta canta canta lô
canta ti che no t'hae puia
canta canta canta lô
lecchite a ferria
canta canta l'ommo neigro ch'o me porta via

Luna luna luna selvatica
che insegni a seminare
che prendi e mandi l'acqua
chi ti canta chi si sente male

La tua luce in una macchia scura
dove la pietra è risciacquata
sbadiglia il rospo dalla fessura
pieno di palle palle da raccontare

Si alza il vento e l'erba medica
zuppa d'occhi rimescolata
volare di piume grido di bestia
orecchie dritte da agguantare

Canta canta lupo
canta tu che non hai paura
canta canta lupo
leccati la ferita

Luna luna acqua ragia
per diluirmi la tinta qui
luna luna gola aperta
pianta la forca tirami su
assaggiami assaggiami io so di fumo
condito con il sugo dell' erba tagliata
assaggiami assaggiami tu che sei il lume
tu che qua sei di chi ti pare

Luna luna arancio di mare
che aiuti chi è pregna a partorire
luna luna figlia del sole
madre della paura e dell'amore

Assaggiami assaggiami io so di fumo
condito con il sugo dell' erba tagliata
assaggiami assaggiami tu che sei il lume
tu che qua sei di chi ti pare

Canta canta lupo
canta tu che non hai paura
canta canta lupo
leccati la ferita
canta canta l'uomo nero che mi porta via

torna su
L’Angiolinn-a L’Angiolina

Sciù pe-a fascia de Carlo arente a-o siëzâ
in gïo a-o treuggio da raena la la la la la
l'Angiolinn-a a l'è andaeta
che no gh'ea ancon o sô
a sciugaghe a rozâ sotta i pê
l'Angiolinn-a a l'è andaeta
A cheugge e erbette da mette in t'o pin
pe quell'ommo che-o l'è comme in figgieu piccin
l'Angiolinn-a a l'è andaeta
che no gh'ea ancon o sô

I passi lenti comme i sò pensê
fermi ai so tempi co-a forza de cheu
l'Angiolinn-a a l'è andaeta
che no gh'ea ancon o sô

Sorvia de lê a miagia co-a pansa
e a lelloa stanca de rësila la la la la la
l'Angiolinn-a a l'è andaeta
xeuâ con gran ramadan
a impî l'oegia di gossi in t'o scâ
l'Angiolinn-a a l'è andaeta

Miagia antïga che ti mostri e bële
de tanta fadiga pe 'n parmo de cian
comme lê scampâ
a-o sc-cieuppâ de
a-o rozzigiâ da sâ
a-o gran camallâ camallâ la la la

L'è coscì c'a l'è andaeta
che ve sei aspëtae
che no gh'ea ancon o sô
a sciugave a rozâ sotta i pê
l'è coscì c'a l'è andaeta

Su per la fascia di Carlo vicino alla siepe
intorno alla vasca della rana la la la la
l'Angiolina è andata
quando non c'era ancora il sole
ad asciugargli la rugiada sotto ai piedi
l'Angiolina è andata
A raccogliere le erbette da mettere nel ripieno
per quell'uomo che è come un bambino piccolo
l' Angiolina è andata
che non c'era ancora il sole

I passi lenti come i suoi pensieri
fermi ai suoi tempi con la forza del cuore
l'Angiolina è andata
che non c'era ancora il sole

Sopra di lei il muro con la pancia
e l'edera stanca di reggerlo
l'Angiolina è andata
volata con il gran rumore
a riempire l'orecchio dei gozzi nello scalo
l'Angiolina è andata

Muro antico che mostri le budella
di tanta fatica per un palmo di terra in piano
come lei scampato
allo scoppiar delle bombe
al rosicchiar del sale
al gran peso sulle spalle

è così che è andata
che vi siete aspettati
che non c'era ancora il sole
ad asciugarvi la rugiada sotto ai piedi
è così che è andata

torna su
Figgieu Bambini

Tucco de quage raieu de boraxe
fracasso de cassoula toua inghindâ

feugo de stïa senti comme a tïa
anche le a l'ha famme dagghe d'addentâ
figgieu figgieu ciantaela de giâ
che chì pe chi n'eu gh'è da mangiâ

figgieu figgieu ciantaela de criâ
che chì pe chi n'eu gh'è da dentâ

e pe chi no n'eu
quande o l'oriâ ghe ne saiâ
e pe chi no n'eu
quande o l'oriâ ghe restiâ a sâ

pinpiripetta noxe pimpiripetta pan
pe chi tocca sotta pe chi s'ascondiâ
pinpiripetta noxe pimpiripetta pan
gia gia riondo tegni streita a man

o mondo o l'è riondo
o pussu o l'è profondo
a lalla là c'a cuxe
o can o l'è pin de pruxe
o gatto a o ratto
o g'ha daeto de recatto
o barba Fran c'o sbraggia
o sega o seg'arraggia

e pe chi no n'eu
quande o l'oriâ ghe ne saiâ
e pe chi no n'eu
quande o l'oriâ ghe restiâ a sâ

ninin no cianze che pe tì ghe n'è
possighe o ciucciotto in te l'amê
figgetta c'a rïe neive in sc'ê böxie
scarpe d'a domenega bocca inciastrâ

figgieu figgieu...

Sugo di quaglie ravioli di borragine
fracasso di casseruola tavola imbandita

fuoco di stufa senti come tira
anche lei ha fame dagli da addentare
bambini bambini smettetela di girare
che qui per chi ne vuole c'è da mangiare

bambini bambini smettetela di gridare
che qui per chi ne vuole c'è da morsicare

e per chi non ne vuole
quando ne vorrà ce ne sarà
e per chi non ne vuole
quando ne vorrà rimarrà il sale

pinpiripetta noxe pimpiripetta pan (1)
per chi tocca sotto per chi si nasconderà
pinpiripetta noxe pimpiripetta pan
gira gira intorno tieni stretta la mano

il mondo è rotondo
il pozzo è profondo
la zia là che cuce
il cane è pieno di pulci
il gatto al topo
lo ha sistemato
lo zio Francesco che urla
e si arrabbia

e per chi non ne vuole
quando ne vorrà ce ne sarà
e per chi non ne vuole
quando ne vorrà rimarrà il sale

piccino non piangere che per te ce n'è
pucciagli il ciucciotto nel miele
bambina che ride neve sulle bugie (2)
scarpe della domenica bocca impiastrata

bambini bambini...

1. tipo di conta usata dai bambini
2. dolce tipico di carnevale

torna su
Ninnamì Ninna a me

Dormi dormi popon de pessa
che a mamma a le andaeta a messa
o papà o l'è in mêzo a-o mâ
ti da grande no staghe a anâ

fanni o brao me divan, tò poae
o piggia di mouxei in t'o panê
o piggia do mâ de poppa e de sponda
e poi tutte e musse c'o ne racconta

de quella votta che 'na balenn-a
a la issou o vapore in sce-a schenn-a
de quella votta che un pescio can
a-o timonê o g'ha arrancou 'na man
de quella neutte che gh'ea de onde
ch'ean ciù erte d'o nostro monte

Ou savvei che i mainae
lascian chì figgi e moggê
poi quande vegnan portan a cà
saea profummi oudo de sâ
stan quarche giorno e repiggian o mâ
son solo boin a fäse aspetâ

Ti savesci quante ho aspetou
e maledio quello lou
quante votte g'ho dito a o mâ
che da o barcon o me-o cacce in po' in cà
ti savesci quante ho aspetou
e maledio quello lou
quante votte pe no g'ammiâ
ho arrembou a gioxia in scio mâ

Dormi dormi popon de pessa
che a mamma a t'accaressa
o papa' o fa o mainâ
ti da grande no stalo a fâ

Dormi dormi bambino di pezza
che la mamma è andata a messa
il papà è in mezzo al mare
tu da grande non andarci

fai il bravo mi dicevano, tuo padre
prende le onde nel sedere
prende del mare di poppa e di sponda
e poi tutte le frottole che ci racconta

di quella volta che una balena
ha alzato la nave sulla schiena
di quella volta che un pescecane
al timoniere gli ha strappato una mano
di quella notte che c'erano delle onde
che erano più alte del nostro monte

Lo sapete che i marinai
lasciano qui figli e mogli
poi quando ritornano portano a casa
seta profumi odore di sale
rimangono qualche giorno e ripigliano il mare
sono solo capaci a farsi aspettare

Sapessi quanto ho aspettato
e maledetto quel lavoro
quante volte ho detto al mare
che dalla finestra me lo buttasse in casa
sapessi quanto ho aspettato
e maledetto quel lavoro
quante volte per non guardarci
ho socchiuso l'imposta sul mare

Dormi dormi bambino di pezza
che la mamma ti accarezza
il papà fa il marinaio
tu da grande non starlo a fare

torna su
Despetaddo Dispettoso

Son sccioio tramêzo a-e canne
donde a raena a treuva o sciuto
donde a ciaeo in te cammie
o s'aççendea d'o sô ciù fito
e gh'ea da dâ da mangiâ a-a vacca
e gh'ea da dâ da mangiâ a-e galinn-e
e gh'ea da dâ da mangiâ ai coniggi
e gh'ea da dâ da mangiâ a mì
A mì che a-o posto de giasciâ
comme o can inguavo 'ntrego
che se a toua rieivo troppo
me seravan in t'o leugo

Despëtaddo, despëtaddo
despëtaddo mia che te-e daggo
mia che te-e daggo

G'avveivo 'na gommetta faeta
conn un forchin de ramma d'oia
e da-a fascia da Bagonn-a
tiavo finn-a a-a cà d'o Moca
zù pe a creuza d'o Marasso
con de prie e-e stacche pinn-e
quande a-a seia s'aççendeivan
sc-ciappavo e lampadinn-e

Despëtaddo ea un, despëtaddo ea
Despëtaddo mia che te-e daggo
mia che te-e daggo

M'ascondeivo in t'a baracchetta
di caccioei da-e oxellaee
m'imbriegava o profummo
che g'avvea e cartucce veue
Quande meuiava e çeze
in t'o campo d'o Pietrin
lê ascuso m'aspetava
e se sfiava a corezzin

Despetaddo ea...

Mi sono schiuso in mezzo alle canne
dove la rana trova l'asciutto
dove la luce nelle camere
si accendeva prima del sole
e c'era da dar da mangiare alla mucca
e c'era da dar da mangiare alle galline
e c'era da dar da mangiare ai conigli
e c'era da dare da mangiare a me
A me che invece di masticare
come il cane ingoiavo intero
che se a tavola ridevo troppo
mi chiudevano nel gabinetto

Dispettoso, dispettoso
dispettoso guarda che te le do
guarda che te le do

Avevo una fionda fatta
con un rametto di ulivo biforcuto
e dalla fascia dello Scarafaggio (1)
tiravo sino a quella del Nafta (1)
giù per il viottolo del Marasso (2)
con le tasche piene di pietre
quando di sera si accendevano
spaccavo le lampadine

Dispettoso ero un, dispettoso ero
dispettoso guarda che te le do
guarda che te le do

Mi nascondevo nella baracca
dei cacciatori dalle uccelliere
mi ubriacava il profumo
che avevano le cartucce vuote
Quando maturavano le ciliege
nel campo di Pietro
lui nascosto mi aspettava
e si sfilava la cintura

Dispettoso ero...


1. sopranome
2. nome di una via esistente

torna su
Battua Battuta

Semmo chì de mattin fïto
Co-o sc-cieuppo in sce spalle
E in sce balle o mandillo d’o bandito
Chì in t’a maccia di brugaggi
Vestia de veddro sciusciou
Stissa o so i so primmi raggi
In te ‘na nuvia de sciou
S’ïsa o ciocco di sunaggi

Arvï e gagge mollae i chaen
Che a battua a l’è da insâ
Lô san zà dond’han da anâ
A beuiâ a beuiâ
Mollae i chaen mollae i chaen
Chi l’è in çê pe ancheu scampiâ
cuscì a ciantan de pisciâ
in to zeo de Zennâ

E manamanaman che montan
A scorï o porco neigro
Se g’avvenn-a de sangue l’euggio
Lengoe lunghe appeise a-o cheu
E manamanaman che montan
Lascian o pei a moï in sci-e sieze
Scuggia in scio scheuggio l’ungia
C’a l’arranca in t’o riâ
Belibelibelibelinon den can
Che ti beui beui all’aia
Fin che o tron d’a sc-ciupettâ
O no-o cacce a gambe all’aia
Belibelibelibelinon den can
Çioule axiou in scio figaeto
Bele câde da giasciâ
Pe-a fadiga ch’emmo faeto

L’aspêtemmo a-o scoverto
Con i chaen ïsae in sci-e canne
Batte e lamme o tempo d’o concerto
In scia çenta gh’emmo ciongio
Povie neigra furminanti
In ti euggi a coae e a puia
D’attrovaselo davanti
Gh’emmo o diao c’o n’ammia

Siamo qui di mattina presto
con il fucile sulle spalle
e sulle palle il fazzoletto del bandito
qui nella macchia dei brughi
vestita di vetro soffiato
sgocciola il sole i suoi primi raggi
In una nuvola di fiato
si alza il ciocco dei sonagli

Aprite le gabbie liberate i cani
che la battuta ha da iniziare
loro sanno già dove devono andare
ad abbaiare ad abbaiare
Liberate i cani liberate i cani
chi è in cielo per oggi scamperà
così la smettono di pisciare
nel gelo di Gennaio

e mano a mano che salgono
a rincorrere il cinghiale
gli si vena di sangue l'occhio
lingue lunghe appese al cuore
e mano a mano che salgono
lasciano il pelo a morire sulle siepi
scivola sullo scoglio l'unghia
che arranca nel corso d'acqua
stupido di un cane
che abbai all'aria
sino a quando il tuono della fucilata
lo mandi a gambe all'aria
stupido di un cane
cipolle e aceto sul fegato
budella calde da masticare
per la fatica che hai fatto

Lo aspettiamo allo scoperto
con i cani alzati sulle canne
battono le lamiere il tempo del concerto
nella cintura abbiamo piombo
polvere nera fulminanti
negli occhi la voglia e la paura
di trovarcelo davanti
Abbiamo il diavolo che ci guarda

torna su
Aegoa do bronzin Acqua del rubinetto

Dond’emmo ancon d’andâ noîatri
che e cà l’emmo pösê in sce l’arze
E basta unn-a buffâ che au largo
emmo raxion d’andâ, sensa colisse o carezzâ

Con sto vento cu se infia in ta cannâ dell’uëgia
u gïa e u regïa , u gïa e u regïa
oua u n’asciuga e u ne fa moî
oua u ne fa rollâ de sponda e l’elica pattî
oua u l’incapella l’onda, oua u l’incapella l’onda

All’arriviâ , all’arriviâ a rammâ
a schittâ in sce sponde
a deslenguane a sâ in te rappe ciù profonde
all’arriviâ , all’arriviâ a rammâ,
rammâ d’ægoa döse
ægoa do bronzin pe questa tæra in cröxe

Cos’ emmo ancon da fa noiatri
che in ponta de pê abbrassê ballammo
E de stu mondo strano e scemmo
semmo siasâse u bon e de fâ e drefâ
vivemmo

Con sto vento cu se infïa in ta cannâ dell’uëgia
u gïa e u regïa , u gïa e u regïa
gondon u m’aroba i foggi
donde ho scrito sta canson
u i confonde con i ochin a criâ insemme a lu

e u n’inciocca inciocca u passo
inciocca inciocca u passo
In scia via dell’amô

Ma all’arriviâ, all’arriviâ a rammâ
a schittâ in sce sponde
a deslenguane a sâ in te rappe ciù profonde
Ma all’arriviâ, all’arriviâ a rammâ
rammâ d’ægoa döse
ægoa do bronzin pe questa tæra in cröxe

Semmo faeti d’aegoa e feugo
puia, pascion, fortunn-a
I sonni ne frustan u figæto
ne mettan e ae pe anâ sensa colisse o carezzâ

Con sto vento cu se infia in ta cannâ dell’uëgia
e u gïa e u regïa e u gïa e u regïa
u ne spua in faccia a sabbia de deserti insanguinê
u posa in sce ramme a raggia
êuggi grandi de figgieu
con i scioppi streiti a u chêu

Ma all’arriviâ , all’arriviâ a rammâ
a schittâ in sce sponde
A deslenguane a sâ in te rappe ciù profonde
Ma all’arriviâ , all’arriviâ a rammâ

Dove dobbiamo ancora andare noi
che abbiamo le case appoggiate sull’argine
E basta un soffio che al largo
abbiamo ragione di andare, senza rotaie o carreggiate

Con questo vento che si infila nei canali delle orecchie
E gira e rigira e gira e rigira
Ora ci asciuga e ci fa morire
Ora ci fa rullare di sponda e l’elica faticare
Ora mette il capello a l’onda, ora mette il capelloa l’onda

Arriverà, arriverà l’acquazzone
a saltellare sulle sponde
A scioglierci il sale nelle rughe più profonde
Arriverà, arriverà l’acquazzone
Acquazzone di acqua dolce
Acqua del rubinetto per questa terra in croce

Che cosa abbiamo ancora da fare noi
Che in punta di piedi abbracciati balliamo
E di questo mondo strano e scemo
sappiamo setacciare il buono e di fare e disfare
viviamo

Con questo vento che si infila nei canali delle orecchie
E gira e rigira e gira e rigira
Dispettoso mi ruba i fogli
dove ho scritto questa canzone
li confonde con i gabbiani a gridare insieme a loro

e ci ubriaca, ubriaca il passo
ubriaca ubriaca il passo
sulla via dell’amore

Ma arriverà, arriveràl’acquazzone
a saltellare sulle sponde
A scioglierci il sale nelle rughe più profonde
Ma arriverà, arriverà l’acquazzone
Acquazzone di acqua dolce
Acqua del rubinetto per questa terra in croce

Siamo fatti di acqua e fuoco
Paura, passione, fortuna
I sogni ci consumano il fegato
Ci mettono le ali per andare senza rotaie o carreggiate

Con questo vento che si infila nei canali delle orecchie
E gira e rigira e gira e rigira
Ci sputa in faccia la sabbia di deserti insanguinati
posa su i rami la rabbia
occhi grandi di bambini
con fucili stretti al cuore

Ma arriverà, arriverà l’acquazzone
a saltellare sulle sponde
A scioglierci il sale nelle rughe più profonde
Ma arriverà, arriverà l’acquazzone

torna su
Canto Canto

Canto pe no sentime stanco
derrê a stô banco, arrûxentando
sponde de veddro baxê da lærfe scûe
restè attacchê a u calore de un motore
a u lûxî de cromatûe

E vaggo avanti e inderrê comme a tigre in tu gaggion
mostro i denti e u panê
mesciando e remesciando quello che ghe de bon
pe chi tetta da sto banco, ancon!

Ghe de sæ che remedio nu ghe n’emmo, ghe de sæ
e di mâ che a tastali se retian e di mâ

Se spegia in sce l’äsâ u cû du gotto pin
a man che a l’agguantiâ, de stu gïo,
pe voiatri che restè davanti a questo banco
e no ve n’anê.

Canto pe no sentime stanco
in faccia a o mondo che me passa a scianco
mondo de micce, dell’esagerazion
de chi pe ninte rïe, chi se a conta
chi gà a moæ pe o menestrun

E scarrego fondi de caffè, bratta neigra do gran dô
che u me gonfia e gambe e u chêu
mesciando e remesciando quello che ghe de bon
pe chi tetta da sto banco, ancon!

Ghe de sæ che remedio no ghe n’emmo ghe de sæ
e di mâ che a tastali se retian e di mâ

Ne gloria ne dinæ me tegnian chi derrê
le che in te sto carruggio mi ghe vivo
fin tanto che restê davanti a questo banco
e no ve n’anê.

Canto per non sentirmi stanco
Dietro a questo banco, risciacquando
Sponde di vetro baciate da labbra scure
rimaste attaccate al calore di un motore
al luccicare delle cromature

E vado avanti e indietro come la tigre nel gabbione
Mostro i denti e il sedere
Muovendo e rimescolando quello che c’è di buono
Per chi succhia da questo banco, ancora!

C’è una sete per la quale non abbiamo rimedio
e dolori che a tastarli si ritirano

Si specchia sull’acciaio il sedere del bicchiere pieno
La mano che l’agguanterà, a questo giro
Per voi che restate davanti a questo banco
e non ve ne andate

Canto per non sentirmi stanco
in faccia al mondo che mi passa a fianco
Mondo delle frottole, dell’esagerazione
Di chi ride per niente, chi se la racconta
Chi ha la mamma per la minestra

E scarico fondi di caffè, fango nero del gran dolore
Che mi gonfia le gambe e il cuore
Muovendo e rimescolando quello che c’è di buono
Per chi succhia da questo banco, ancora!

C’è una sete per la quale non abbiamo rimedio
E dolori che a tastarli si ritirano

Ne gloria ne denaro mi tengono qui dietro
è che in questo vicolo io ci vivo
Sino a quando restate davanti a questo banco
e non ve ne andate

torna su
A u Gusto A Gusto

Te cànto perché no t’êi nisciùn
e t’ê mòrto dónde t’ê nasciûo
t’æ inparòu a scrîve e a lêze
dónde me són fæto o nîo

Se ghe védde e se ghe sénte
in ti cànti de sta cà
a pónta di penìn posâ inte l’éuggio do câmâ

Pe-i teu gréndi lâghi ciæi
sótta-a grónda do berétto
E quéllo dénte in bócca ch’o te fa da marionétto
Se ghe védde
Se ghe sénte o marmitìn ch’o cànta
quànde ti ghe dâvi sciù con l’âpe çinquànta

De quéllo che càcian vîa
t’avéivi a demôa inta stàcca
Tochétto pe tochétto ti te tiâvi sciù a baràcca
I teu séunni ti tegnîvi li
appéizi a-o finferétto
fra o sfregogiâ da rùzene e o scroscî do cancelétto
con ti t’aveivi sempre un sàcco prónto, vò-u
scapùsso pe sta vìtta, âze ch’a te vêgne aprêuo

Mîa! mi te véuggio dî che in zûe,
dónde o dénte fìnto o rîe,
tànti çèrcan quéllo che ti gh’avéivi tîe.

Ti canto perchè non eri nessuno
e sei morto dove sei nato
hai imparato a scrivere e a leggere
dove mi sono fatto il nido

Si vedono e si sentono i fantasmi
negli angoli di questa casa
la punta dei pennini pucciata nell’occhio del calamaio

Per i tuoi grandi laghi chiari
sotto la gronda del berretto
E quel dente in bocca che ti fa da marionetta
si vede
si sente il marmittino che canta
quando arrancavi su con l’ape cinquanta

Con quello che gli altri buttano via
avevi il gioco in tasca
pezzetto per pezzetto costruivi la baracca
i tuoi sogni li tenevi lì
appesi al fil di ferro
fra lo sfogliarsi della ruggine e il cigolio del cancelletto
con te avevi sempre un sacco pronto vuoto
riparo per questa vita asino che ti viene dietro

Senti! ti voglio dire che altrove
dove i denti finti ridono
tanti cercano quello che avevi tu.

torna su
Passo passo

Notte notte fonda chi in sciù passo do Portello
Comme do resto in ogni atro passo
I fari pontan in erto e poi de botta in basso
Comme dorresto in ogni atro passo

A votte o tempo o cangia
Ne lascia in paxe o vento
E fiocca fiocca fin a crovi ogni tormento
A votte o tempo o cangiaa
Sa de succou a sâ
E questi aerxi gianchi
pan lenso missi a sciuga

Aaaah! Donde lè a me cà
Aaaah! Donde lè a me cà u me cheu u me amo
A me xiatta scammorà o me oudo
E me legne accaiê a o sô e sciarbatte fruste
Aaaah! Donde le a me cà

Ne Manca u cheu in pittin a o mumento do passaggio
Comme dorresto a ogni atto de coraggio
Se sa cose se lascia no se sa cose s’attroa
Comme dorresto in ogni cosa noa

S’illumina fra e piante
dui grandi oggi attenti
E a bestia all’attraversa a carreza mostrando i denti
Me stà crescendo l’ongia
Aggattonando l’oggio
Nu so ben de cose o cuae
ma so quello che no voggio

No no no no voggio ese coggeito e cacciou via
Santa bestia aggiuttime a respia
Insegnime a godimela sensa nega in ta puia
Santa bestia insegnime
A vivila a vivila
Stà vitta fin ca dua

Aaah! Aaaah! Questa a le a me cà

In fondo a questa rappa
L’aegoa a piggia a masche a ciappa
L’aegoa scì che le a sa donde anna!

In tu ma s’annia o ben
In to ben s’annia o ma
In sce sto ballon nu ghe de scampo

Ho in cheu u bambin co sponta
Dall’oggio da natua
Ho in cheu so moè ca sponcia
E so due goe che crian
Un oege gianco, u letto, a vitta ca ne lascia
E u ragna do trapan quando u ne sera a cascia

Aaaaaaa! Donde lè a me cà
Aaaah! Donde lè a me cà u me cheu u me amo
A me xiatta scammorâ o me oudô
E me legne accaie a so e sciarbatte fruste
Aaaaa! Aaaah! Questa a le a me cà

Notte notte fonda sul passo del Portello
come del resto in ogni altro passo
i fari puntano in alto e poi di colpo in basso
come del resto in ogni altro passo

A volte il tempo cambia
ci lascia in pace il vento
e fiocca fiocca fino a coprire ogni tormento
a volte il tempo cambia
ha il sapore del zucchero il sale
e questi argini bianchi
sembrano lenzuola messe ad asciugare

Aaaah! Dove è la mia casa
aaaah! Dove è la mia casa, il mio cuore il mio amore
il mio piatto scheggiato il mio odore
la mia legna accatastata al sole le ciabatte consumate
Aaaah! Dove è la mia casa

Manca un pochino il cuore al momento del passaggio
come del resto ad ogni atto di coraggio
si sa quel che si lascia non si sa cosa si trova
come del resto in ogni cosa nuova

Si illuminano tra le piante
due grandi occhi attenti
e l’animale attraversa la carreggiata mostrando i denti
mi sta crescendo l’unghia
aggattonando l’occhio
non so bene cosa desidero
ma so quello che non voglio

No no no non voglio essere raccolto e buttato via
santa bestia aiutami a respirare
insegnami a godermela senza annegare nella paura
santa bestia insegnami
a viverla a viverla
questa vita sin che dura

Aaaah! Aaaah! Questa è la mia casa

In fondo a questa ruga
l’acqua prende a schiaffi la pietra
l’acqua sì che sa dove andare!

Nel male si annida il bene
Nel bene si annida il male
Sopra a questo pallone non c’è di scampo

Ho nel cuore il neonato che spunta
dall’occhio della vagina
ho nel cuore sua madre che spinge
le loro due gole che urlano
Un guanciale bianco, un letto, la vita che ci lascia
e il miagolare del trapano quando ci chiude la cassa

Aaaah! Dove è la mia casa
aaaah! Dove è la mia casa il mio cuore il mio amore
il mio piatto scheggiato il mio odore
la mia legna accatastata al sole le ciabatte consumate
Aaaah! Aaaah! Questa è la mia casa

torna su
| il CD “a curpi de prïa” | recensioni | info per concerti | i musicisti | contatti |